Data center in Italia: tutto ciò che serve sapere, cosa sono e cosa offrono alle aziende

Data Center, quello “spazio” che ospita server, storage, sistemi di rete e connettività, gruppi di continuità, impianti di raffreddamento e sistemi di sicurezza… insomma e tutte le apparecchiature che consentono oggi di “tenere in piedi” un’azienda. Cerchiamo allora di capire cosa sono e che vantaggi offrono alle aziende.

 

Cosa sono i Data Center

Alla base della digital transformation, e più in generale dell’economia digitale, ci sono infrastrutture che gli utenti non vedono, i Data Center. Sono gli edifici in cui viene custodito quello che Alec Ross, “guru” della tecnologia ed ex consigliere di Hillary Clinton, ha definito “il petrolio del futuro”: i dati. Insieme ai dati aziendali, però, i Data Center hanno in sé anche “il cuore” del business, gli strumenti cioè che governano i processi e i servizi, insieme alla comunicazione, come i server, i sistemi di archiviazione, i programmi per il monitoraggio del funzionamento delle macchine, dei servizi, delle applicazioni e delle reti.

La struttura e l’offerta dei Data Center in Italia e su scala globale sta progressivamente cambiando ed evolvendosi man mano che i processi economici sono sempre più basati sul digitale. Così se qualche anno fa a un’azienda poteva bastare uno sgabuzzino refrigerato in cui ospitare server e hard disk, oggi – man mano che i processi di business e quelli di produzione si digitalizzano – i dati aziendali hanno bisogno di più spazio, consumano più energia e richiedono requisiti di sicurezza molto stringenti: la loro perdita o compromissione potrebbe infatti  causare gravi danni in termini di competitività. Così dal vecchio Ced, il centro elaborazione dati interno, si passa prima al Data Center interno e proprietario e oggi sempre più all’hosting, all’housing e alla colocation, fino ad arrivare al Cloud Data Center.

 

Che soluzioni e servizi offrono i Data Center

Mentre l’offerta di Data Center in Italia si sta spostando su strutture dedicate, che mettono le macchine a disposizione dei loro clienti (hosting Data Center), concedendole “in affitto”, o semplicemente offrendo spazi in cui le aziende possono installare i propri calcolatori, e gestirli a distanza (hosting remoto), con il cosiddetto housing Data Center, o Colocation, cresce anche l’offerta di servizi che i Data Center sono in grado di mettere a disposizione dei propri utenti. Nella consapevolezza che il gioco inizia a essere molto competitivo, e che la partita si gioca spesso oltre che sui requisiti di sicurezza, sui prezzi, che scendono se si riescono a fare economie di scala, e sui servizi a valore aggiunto che una società di Data Center è in grado di offrire.

Alla base di tutto, in ogni caso, c’è sempre un sistema di connettività, necessariamente “ridondato”, quindi duplicato per non perdere mai la possibilità di accedere ai dati e avere sicurezza della continuità operativa.

L’offerta dei Data Center, mirata normalmente con soluzioni personalizzabili alle aziende pubbliche e private, dalle Pmi ai grandi gruppi, parte dal caso delle società che oggi gestiscono in casa almeno una parte dei propri sistemi IT, mettendo a loro disposizione spazi performanti e affidabili per collocare i propri sistemi di Infrastruttura primaria o di disaster ricovery. Per assicurare le performance, quali velocità e tempi di latenza nel trasferimento dei dati ogni volta che sia necessario, e per mettere le basi per la creazioni di “ecosistemi” di rete dinamici modellati sulle esigenze dei clienti, i Data Center possono contare su reti in fibra ottica ridondata, che contribuisce grazie all’alta capacità e alla bassa latenza alla virtualizzazione ottimale dei servizi e di conseguenza al miglioramento della flessibilità e della reattività operative, assicurando la business continuity e un drastico ridimensionamento per i clienti degli investimenti necessari alla realizzazione delle infrastrutture fisiche. All’interno dei Data Center i clienti possono normalmente usufruire dei servizi di server, storage e networking.

Leggi l’articolo completo qui bit.ly/2OEsQUE